Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Misterbianco, l'ipotesi incandidabilità dopo lo scioglimento
L'ex sindaco: «Sarebbe uno smacco, sono pronto a tornare»

Oltre all'ex primo cittadino e al suo numero due, sono anche un assessore, il presidente del Consiglio comunale e cinque consiglieri a dover comparire davanti al presidente della prima sezione civile per l'udienza camerale fissata per il 28 gennaio

Marta Silvestre

Dopo lo scioglimento del Consiglio comunale di Misterbianco, dal ministero dell'Interno è arrivata l'ipotesi di incandidabilità per l’ex sindaco Nino Di Guardo, l’ex vice sindaco Carmelo Santapaola, l’ex assessore Stefano Santagati, l’ex presidente del Consiglio comunale Agata Pestoni e gli ex consiglieri comunali Marco Corsaro, Domenico CarusoRiccardo La Spina, Andrea Rapisarda e Nunzio Santonocito

Per loro emergerebbero rilevanti «collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori o forme di condizionamento tali da determinare un’alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi e amministrativi e da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali e provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi a esse affidati, o che risultino tali da arrecare grave e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica». Il Presidente della prima sezione civile del tribunale ha fissato l’udienza camerale per il 28 gennaio

«Lo scioglimento del Comune è stato un abuso, un crimine di Stato - ribadisce a MeridioNews Di Guardo - E, adesso, sulla base degli stessi elementi falsi, il ministero propone che venga dichiarata la nostra incandidabilità». L'invio degli ispettori era stato disposto dal prefetto di Catania Claudio Sammartino a novembre del 2018, dopo che la procura etnea aveva reso nota l'inchiesta Revolution bet 2. Un'indagine che ha scoperchiato i collegamenti tra mafia e scommesse online e che ha portato all'arresto dell'ex vicsindaco sammartinianoaccusato di essere tra i titolari dell'Orso bianco caffè. «Ci sarà un processo e io sono più che sicuro che il giudice dovrà prendere atto che, almeno per la mia persona, sarebbe solo uno smacco». Ne è convito l'ex primo cittadino che, già dopo lo scioglimento del Comune, aveva messo in scena una protesta - con tanto di sciopero della fame - che era finita con una multa da parte della polizia municipale

Intanto, il prossimo 24 febbraio è fissata l'udienza al Tar del Lazio dopo l'opposizione allo scioglimento presentata da Di Guardo. «Io confido nel fatto che venga dichiarato nullo e così potrò tornare a fare il sindaco fino a giugno del 2022 - dichiara fiducioso l'ex primo cittadino - Se così non dovesse essere, quando i commissari andranno via, mi ricandiderò perché sono certo di essere una persona onesta che, in 30 anni ha sempre servito il proprio paese». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×